"A scuola il mondo conta"

Percorsi e attività di mediazione e comunicazione interculturale

a-scuola-il-mondo-conta.png

A scuola il mondo conta. Percorsi e attività di mediazione e comunicazione interculturale (edizioni la meridiana, 2018) di Silvia Rizzello, giornalista, mediatrice interculturale e docente di didattica dell'italiano per stranieri, è un utile stumento per chi vive la scuola, ambiente fondamentale per la formazione dei cittadini del domani. Anche perché, "quanto accade nella scuola - scrive l'autrice - non è altro che lo specchio fedele di ciò che avviene fuori, nella vita di tutti i giorni". Ecco spiegata la necessità di prestare particolare attenzione all'ambiente scolastico e alla didattica, cercando di adottare metodi efficaci per favorire e promuovere l'integrazione.

In questo libro, il metodo proposto adottato e sperimentato dall’autrice, "è da intendersi come un preparare il terreno a diventare fertile in una realtà sempre più plurale, a misura di differenze". Scrive Silvia Rizzello: "le nostre radici culturali, che devono pur restare quale tratto distintivo dell’identità di ciascun individuo, dovrebbero essere considerate una delle tante sfumature di una tavolozza di colori da cui tutta la collettività possa attingere e trarne giovamento, con l’obiettivo di cogliere il meglio di ogni cultura per una società interconnessa in cui ognuno possa occupare un posto, rivestire una funzione, quella più consona alle proprie caratteristiche, attitudini ed esperienze, per la realizzazione del bene comune. Meglio, quindi, educare alle sfumature, alla pluralità, insegnare che nelle diversità c’è più gusto".

"Nella mediazione interculturale ciò che conta non è il risultato [...], ma quello che accade proprio dal basso, in maniera orizzontale; appunto, tra i banchi di scuola".

La scheda del libro.

(11 dicembre 2018)