GIORNATA NAZIONALE IN MEMORIA DELLE VITTIME DELL'IMMIGRAZIONE

"L'Europa inizia a Lampedusa"



Il 3 ottobre di tre anni fa, un giovedì, un'imbarcazione carica di migranti in maggioranza eritrei, affonda a mezzo miglio dalle coste di Lampedusa. Si tratta del naufragio più grave accertato in termini di perdite di vite umane: 368 morti accertati, altri venti presunti, 155 superstiti, di cui 41 bambini.

Nonostante la drammaticità dell'evento e le forti emozioni suscitate, non si è trattato, purtroppo dell'ultimo grave naufragio verificatosi nel Mediterraneo: in questi 3 anni le stragi sono continuate, l'ultima solo il 21 settembre scorso, al largo delle coste egiziane, con un bilancio, ancora provvisorio di circa 300 morti.

L'Unhcr prevede che nel 2016 si raggiungerà un numero senza precedenti di migranti annegati nel Mediterraneo: dall'inizio dell'anno le vittime sono già 3.500. Nel 2015, si sono contate 3.771 vittime, il più alto numero fino ad oggi registrato.


Focus: La crisi dei rifugiati in Europa


LA GIORNATA DELLA MEMORIA


Il 16 marzo 2016 il Senato ha approvato in via definitiva la legge che istituisce la Giornata Nazionale in  memoria delle vittime dell'immigrazione da celebrarsi il 3 ottobre.

La giornata, su proposta dal Comitato 3 ottobre, è stata voluta per conservare e rinnovare la memoria di quanti hanno perso la vita nel tentativo di emigrare verso il nostro Paese per sfuggire alle guerre, alle persecuzioni e alla miseria. 

La giornata della memoria è sicuramente uno spazio riservato al ricordo e alla commemorazione, di uomini, donne, bambini di cui non sappiamo il nome, di cui non conosciamo il passato, ma di cui sappiamo che hanno trovato la morte in quel viaggio che doveva consegnarli ad un futuro migliore. 

Questa giornata è, però, anche un momento importante di conoscenza per affrontare e discutere del fenomeno migratorio nei Comuni, nelle comunità locali, in modo capillare su tutto il territorio nazionale e soprattutto nelle scuole per diffondere la cultura dell'accoglienza.


I PRINCIPALI EVENTI IN PROGRAMMA


 

L'Europa inizia a Lampedusa

"L'Europa inizia a Lampedusa". Quattro giorni di workshop, laboratori, incontri ed esperienze sul tema con oltre 200 studenti da tutta Europa


Workshop, laboratori, incontri e seminari. Ma anche testimonianze dal vivo e dibattiti. L'Europa inizia a Lampedusa, questo il titolo del progetto promosso dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca in collaborazione con il Comitato 3 Ottobre. Oltre 200 studenti provenienti da tutte le regioni d'Italia e da tutta Europa, accompagnati dai loro docenti, si ritroveranno nell'isola di Lampedusa dal 30 settembre al 3 ottobre 2016.

Le attività saranno svolte con il supporto delle associazioni nazionali e internazionali che collaborano con il Comitato 3 Ottobre e con il contributo del 'Prix Italia' della Rai, ospite dell'isola negli stessi giorni. Per gli studenti sarà un'occasione di apprendimento formale ed informale che si concluderà il 3 ottobre con le celebrazioni per la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione, a cui sarà presente il Sottosegretario all'Istruzione Davide Faraone.

Nel corso della Giornata nazionale sarà siglato un accordo tra il Miur, il Comune di Lampedusa e Linosa e il Comitato 3 Ottobre, per istituire la "sezione giovani" del Museo della Fiducia e del Dialogo che ha sede nell'isola, con l'intento di raccogliere da tutta Europa pensieri, testimonianze e opere creative su questi temi, che interpretino l'idea di solidarietà e di incontro tra i popoli, fondati sulla reciproca fiducia.

Gli eventi a Lampedusa potranno essere seguiti in diretta social attraverso il profilo Twitter @EuropaLampedusa e sul canale Facebook (www.facebook.com/EuropaLampedusa/)


-        Programma L'Europa Inizia a Lampedusa


L'Europa inizia a Lampedusa proseguirà nel corso dell'intero anno scolastico. Tutte le informazioni sul progetto sono disponibili sul sito www.europalampedusa.it.


 

Su Rai 3 una programmazione speciale dedicata al tema dei migranti


 La terza rete ha deciso che il 3 ottobre ci sarà una programmazione speciale dedicata alla Prima Giornata Nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione.

In prima visione assoluta il film "Fuocoammare" di Gianfranco Rosi premiato allo scorso Festival di Berlino con l'Orso d'Oro e candidato all'Oscar. La pellicola andrà in prima visione alle 21:30. Ma nel corso della giornata si alterneranno numerosissimi altri appuntamenti per celebrare le vittime dell'immigrazione e tentare di dare un futuro ad una iniziativa che nasce per la prima volta.

Questi i programmi principali della giornata.

Si comincia con Agorà che si collega con Lampedusa. Successivamente Corrado Augias al timone del suo nuovo programma dal titolo "Quante storie" ospiterà un dibattito sui migranti aiutandosi anche con documentari e collegamenti. Anche Sveva Sagramola ed Emanuele Bigi si occuperanno del tema dei migranti all'interno della puntata di Geo

Nella fascia preserale, Domenico Iannaccone propone uno speciale dal titolo "Lontano dagli occhi", un viaggio nel quale attraverso immagini prese dalla realtà, Iannaccone racconta le vicende di chi si è salvato e chi invece non ce l'ha fatta. Le storie saranno commentate da Andrea Camilleri.

Subito dopo alle 21:30 arriva la messa in onda di "Fuocoammare".. 

La giornata di Rai 3 dedicata al tema dei migranti si conclude con una puntata speciale di Gazebo.

 

 

"Vedere gli stranieri": al Senato la prima celebrazione della Giornata nazionale delle vittime dell'immigrazione

 

"Immaginate allora di vedere gli stranieri derelitti,

coi bambini in spalla, e i poveri bagagli

arrancare verso i porti e le coste in cerca di trasporto,

e che voi vi asseggiate come re dei vostri desideri

– l'autorità messa a tacere dal vostro vociare alterato –

e ve ne possiate stare tutti tronfi nella gorgiera della vostra presunzione.

Che avrete ottenuto? Ve lo dico io: avrete insegnato a tutti

che a prevalere devono essere l'insolenza e la mano pesante"

William Shakespeare (Sir Thomas More)

 

Il Senato ad ospitare, in Sala Zuccari, lunedì 3 ottobre, la prima celebrazione della Giornata nazionale.

"Vedere gli stranieri" è il titolo dell'incontro che avrà inizio alle ore 17, con il saluto introduttivo del Presidente Pietro Grasso. Interverrà padre Enzo Bianchi; l'attrice Maddalena Crippa leggerà "Lampedusa Beach" della scrittrice Lina Prosa.

L'incontro sarà coordinato dal senatore Luigi Manconi, Presidente della Commissione del Senato per la tutela e la promozione dei diritti umani, e sarà trasmesso in diretta dalla webtv e dal canale satellitare di Palazzo Madama.

Il titolo "Vedere gli stranieri" è la citazione di un testo attribuito a William Shakespeare.

 Per maggiori inforamzioni: http://www.senato.it/notizia?comunicato=51875


 29 Settembre 2016