Lavoro stagionale e trasferimenti intra-societari: indicazioni operative

La Circolare 19/04/2017 dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro

Le Direttive 2014/36/UE e 2014/66/UE – c.d. "direttiva ICT - intra-corporate transfer" – sono state recepite nell'ordinamento nazionale con i Decreti Legislativi n. 203/2016 e n. 253/2016, concernenti rispettivamente le condizioni di ingresso e soggiorno dei cittadini di Paesi terzi per motivi di impiego in qualità di lavoratori stagionali e delle categorie dei dirigenti, lavoratori specializzati, lavoratori in formazione distaccati nell'ambito di trasferimenti intra-societari.

La Circolare del 19 aprile 2017 dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro chiarisce alcuni aspetti operativi degli adempimenti ascrivibili agli uffici ispettivi, nell'ambito dello Sportello Unico Immigrazione, circa la corretta applicazione degli articoli 24 e 27 quinquies del D.Lgs. n. 286/1998 (TUI) come novellati rispettivamente dai Decreti nn. 203 e 253 del 2016.

In particolare, la Circolare fa riferimento sia alle ipotesi di rifiuto o revoca del nulla osta  al lavoro stagionale nei settori agricolo e turistico-alberghiero in favore di cittadini di Paesi terzi, sia ai casi di diniego o revoca del nulla osta ICT nell'ambito di trasferimenti intra-societari da Paesi extra UE.  

Con la circolare sono, altresì, forniti chiarimenti in ordine ai profili sanzionatori nelle ipotesi di lavoro stagionale e di trasferimenti intra-societari da Paesi extra UE.

Leggi la Circolare del 19 aprile 2017 dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro (pdf)

Leggi anche: Trasferimenti intra-societari: condizioni di ingresso e soggiorno di dirigenti, lavoratori specializzati e in formazione. D.Lgs. 253/2016: pubblicata la Circolare sul rilascio e le tipologie di permesso di soggiorno

Leggi anche: Ingresso e soggiorno dei cittadini di Paesi terzi per motivi di impiego in qualità di lavoratori stagionali. La circolare del MLPS con le istruzioni operative per gli uffici territoriali del lavoro

(21 aprile 2017)