Trasferimenti intra-societari, non devono richiedere il nulla osta i datori di lavoro che sottoscrivono un Protocollo di Intesa con il Ministero dell'Interno

Pubblicata la circolare con cui è stato approvato lo schema di Protocollo di Intesa



Con una circolare congiunta del 20 dicembre scorso, il Ministero dell'Interno e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali hanno adottato lo schema di Protocollo  che renderà più semplice, per i datori di lavoro che lo sottoscriveranno, le procedure per trasferire in Italia lavoratori stranieri nell'ambito dei trasferimenti Intra-societari previsti dagli articoli 27 – quinquies e sexies del D.lgs. n. 286/98 (T.U. Immigrazione)

Il quadro normativo

Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti, lavoratori specializzati, lavoratori in formazione di Paesi terzi nell'ambito di trasferimenti intra-societari.

Per  trasferimento intra-societario si intende il distacco temporaneo di uno straniero da un'impresa stabilita in un Paese terzo (cui lo straniero è legato da un rapporto di lavoro che  dura  da  almeno tre mesi) a un'entità ospitante stabilita  in  Italia,  appartenente alla stessa impresa o gruppo di imprese.   Il trasferimento intra-societario comprende  in pratica i  casi  di  mobilità  dei lavoratori stranieri tra imprese stabilite in diversi Stati membri. Il trasferimento intra-societario comprende anche i casi di mobilità all'interno dell'Unione Europea tra entità ospitanti stabilite in diversi Stati membri UE, di lavoratori provenienti da Paesi terzi, già in possesso di permesso di soggiorno ICT (intra-corporate transfer), rilasciato da altro Stato membro ed in corso di validità.

Per questo tipo di trasferimenti il T.U. sull'Immigrazione (artt 27 quinquies e sexies) prevede che l'entità ospitante in Italia, in qualità di datore di lavoro, presenti la richiesta nominativa di nulla osta al trasferimento intra - societario allo Sportello Unico per l'immigrazione, mediante la compilazione telematica del modulo - Art.27 - quinquies, disponibile sul sito del Ministero dell'Interno (nullaostalavoro.dlci.interno.it).

La normativa (art 27 quinquies, comma 13) prevede che nel caso in cui l'entità ospitante abbia sottoscritto  con  il Ministero dell'Interno, un protocollo di intesaattraverso il quale la stessa garantisce che i lavoratori dei quali chiede l'ingresso soddisfano una serie di condizioni, il nulla  osta  è sostituito da   una   comunicazione   presentata,   con   modalità telematiche,  dall'entità  ospitante  allo   Sportello   unico   per l'immigrazione.

Fino ad oggi, tale procedura semplificata, che vede in pratica la richiesta di nulla osta sostituita con la mera comunicazione allo Sportello Unico per l'Immigrazione della proposta di contratto di lavoro/ lettera di incarico, non era possibile, mancando lo schema di Protocollo di Intesa da sottoscrivere.

Il venir meno della richiesta di nulla osta comporta che nell'ambito della procedura semplificata, non è previsto alcun parere da parte degli Ispettorati Territoriali del Lavoro (ITL), ma sarà consentito agli stessi la visibilità, in sola lettura, delle pratiche anche ai fini di procedere, ove necessario, ad eventuali controlli successivi sui datori di lavoro.

Le Questure continueranno, invece ad effettuare le verifiche relative all'insussistenza di motivi ostativi all'ingresso dei lavoratori extracomunitari sul territorio nazionale, ai sensi del DPR 394/99.

 

Le modalità per sottoscrivere il Protocollo

La Circolare del 20 dicembre, cui è allegato lo schema di Protocollo, prevede che  l'entità ospitante che intenderà sottoscrivere il Protocollo, potrà far pervenire all' indirizzo di posta elettronica: politicheimmigrazione@pecdlci.interno.it, tale richiesta debitamente sottoscritta dal legale rappresentante dell'ente, ovvero da una persona delegata (in tal caso sarà necessario acquisire la relativa delega notarile), corredata dalla visura camerale dell'ente stesso.

La sottoscrizione del Protocollo consentirà di accedere alla procedura semplificata utilizzando il Modulo CICT disponibile all'indirizzo nullaostalavoro.dlci.interno.it.



Per saperne di più sui trasferimenti intra-societari vai alla pagina dedicata sul Portale