TEATRO UTILE (Arte e sviluppo): per promuovere e diffondere un teatro multiculturale

Iniziative per favorire l'integrazione linguistica e sociale

 ​

TEATRO UTILE (Arte e sviluppo) perché gli artisti possano lavorare insieme per diffondere un teatro multiculturale basato su scambio e confronto di saperi e arti diverse

 

 

L’Accademia dei Filodrammatici in collaborazione con le Associazioni culturali Sunugal e Mascherenere promuove dal 2012 il progetto "Teatro utile (arte e sviluppo)", mirato alla formazione di artisti che coniughino le specificità di una scuola d’arte alle particolarità e alla ricchezza espressiva di diverse culture. Fine del progetto è riformulare, in un confronto e in uno scambio di competenze, delle specificità artistiche e creare un gruppo multietnico di artisti. Attraverso la pratica teatrale si vuole, difatti, incoraggiare la creazione di un gruppo misto di artisti che possa lavorare insieme per diffondere un teatro multiculturale. L’idea fondante è che in un unico progetto possano convergere esperienze provenienti da diverse culture e che queste creino un teatro socialmente utile e attento agli sviluppi che caratterizzano il territorio milanese.
Teatro utile (arte e sviluppo) nasce principalmente dall'aver costatato che nella provincia di Milano non esistono delle realtà teatrali che uniscano diverse culture e modi di affrontare la pratica teatrale. Il primo anno (2012-2013) ha avuto il compito di formare a titolo gratuito un gruppo di artisti (attori, musicisti e registi) in grado di condividere le proprie conoscenze in ambito teatrale in un confronto tra culture. Per questo motivo il gruppo era formato da artisti della diaspora africana, G 2 (seconde generazioni) e artisti italiani. Hanno complessivamente partecipato 20 attori di diverse origini geografiche/culturali: Marocco, Guinea, Senegal, Camerun, Ecuador, Colombia, Somalia, Grecia e Italia. Il lavoro si è incentrato in particolare sul confronto aperto tra stili di recitazione africani e occidentali concludendo il 21 aprile 2013 con una esercitazione aperta al pubblico dal titolo “Il viaggio”.
Per il secondo anno (2013-2014) viene promosso un “laboratorio di scrittura teatrale”, di cui è docente Renato Gabrielli e docente assistente e coordinatrice Tiziana Bergamaschi, al fine di formare dei nuovi drammaturghi, che indaghino sulla scrittura teatrale grazie al confronto con la drammaturgia contemporanea. Gli artisti che partecipano sono stati selezionati attraverso un Bando di concorso pubblicato nel mese di settembre 2013. La partecipazione al laboratorio di scrittura è gratuita, e il seminario di drammaturgia si articola in tre fasi e si svolge all’Accademia dei Filodrammatici: la prima conclusa nel mese di gennaio 2014 incentrata sull’apprendimento di particolari qualità di scrittura che, partendo dalla tradizione, approdino al contemporaneo; la seconda parte consiste nella scrittura di un testo che sarà presentato alla Fabbrica del Vapore nel mese di giugno 2014; la terza fase si svolgerà all’Accademia dei Filodrammatici e alla Fabbrica del Vapore nei mesi di maggio e giugno 2014. In questa fase continueranno ad essere coinvolti gli artisti che hanno partecipato nel 2013 al laboratorio teatrale, con lo scopo di creare una continuità con il primo anno di lavoro. La finalità di quest’ultima fase è mettere in scena il testo scritto dagli allievi drammaturghi. Lo spettacolo teatrale che nascerà da questa esperienza di scrittura, andrà in scena alla Fabbrica del Vapore nel giugno 2014.
Per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero 02/86460849 oppure scrivere a: seminari@accademiadeifilodrammatici.it ; info@sunugal.it:
 
(30 gennaio 2014)