Rete Migrant Women: una rete territoriale per l'intercultura

Informazione, accesso e accoglienza dell'utenza migrante nei servizi del territorio della Valdichiana Senese



Informazione, accesso e accoglienza dell’utenza migrante nei servizi del territorio della Valdichiana Senese
 
 
Con l’intento di produrre un cambiamento sociale in direzione di una conoscenza reciproca fra le diverse culture e della creazione di strumenti di partecipazione alla vita della comunità dei cittadini stranieri residenti, dal 2009, grazie alle attività promosse e realizzate dall’Associazione Il Grifo ed il Leone di Montepulciano, opera in Valdichiana la Rete Migrant Women, costituita e sostenuta dalle istituzioni (Comuni, Unione dei Comuni, Provincia di Siena, Asl 7 Zona Valdichiana, Biblioteca Archivio Storico Piero Calamandrei di Montepulciano) e dalle associazioni di volontariato del territorio.
 
I progetti realizzati dalla rete sono stati possibili grazie al finanziamento, oltre che dei partner locali, anche dell’Unione Europea e del Ministero dell’Interno, e sono stati indirizzati fin da subito alle donne, italiane e straniere, privilegiando come forme espressive il teatro e la musica.
 
Nel 2013, con il progetto GEMMA (Generazioni Europee/Migranti/Madri/Amiche) è stato compiuto un importante passo in direzione dell’acquisizione della consapevolezza del funzionamento dei servizi pubblici del territorio provinciale da parte delle donne migranti.       
Il progetto ha condotto alla sottoscrizione da parte di Prefettura di Siena, Provincia di Siena, Questura di Siena, Asl 7 Zona Valdichiana, Unione dei Comuni Valdichiana Senese, Comune di Sinalunga, Comune di Sarteano, Comune di Torrita di Siena, Comune di Montepulciano, Rete Migrant Women, Associazione Il Grifo e il Leone e Associazione Amica Donna, del “Protocollo di informazione, accesso e accoglienza dell’utenza immigrata nei servizi territoriali del territorio della Valdichiana Senese”. Strumento attraverso il quale i servizi vengono promossi come sedi privilegiate del dialogo interculturale, e vengono perfezionati sistemi informativi adatti ad accrescere le capacità di accoglienza delle istituzioni, facilitare l’informazione alla popolazione migrante, sostenere i cittadini stranieri neo-arrivati nella fase di adattamento al nuovo contesto e nell’accesso ai servizi.
 
Altri progetti, anch’essi finalizzati alla conoscenza e alla comprensione reciproca, hanno visto protagonisti i bambini italiani e stranieri che frequentano le scuole dell’obbligo della Valdichiana.
 
Nel corso del 2015, attraverso il progetto BLOOMING GEMMA, sviluppo del precedente ed anch’esso cofinanziato dal Fondo Europeo per l’Integrazione dei cittadini di Paesi Terzi e dal Ministero dell’Interno, le associazioni, in primo luogo Il Grifo e il Leone, e le istituzioni, capofila delle quali è l’Unione dei Comuni della Valdichiana, continueranno a promuovere la crescita di una comunità locale accogliente, partecipe e rispondente alle esigenze di tutti i suoi membri, di qualsiasi origine essi siano, con la consapevolezza che solo agendo in questo modo si realizza il processo di socializzazione di tutti gli individui della comunità e vengono rafforzate la coesione e la solidarietà sociale, che sono alla base della pacifica e rispettosa convivenza fra le diverse e differenti identità che costituiscono la ricchezza di un territorio.
 
 
Fonte: Ufficio stampa Rete Migrant Women  
 
 
(19 gennaio 2015)