Registro delle Associazioni e degli Enti

Registro delle Associazioni e degli Enti che svolgono attività a favore degli immigrati   [Torna all'inizio]

Presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Direzione Generale dell'Immigrazione e delle Politiche di Integrazione - è istituito il Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati. Tale registro si rivolge agli organismi privati, alle associazioni e agli enti aventi i requisiti stabiliti dell’art. 53 del DPR 31 agosto 1999, n.394, così come modificato dal DPR 18 ottobre 2004, n.334 e la cui iscrizione rappresenta un requisito di accessibilità a finanziamenti pubblici, ove richiesta
 
Il Registro, attivo dal novembre 1999, si articola in due sezioni:

 

Prima sezione   [Torna all'inizio]

A questa sezione possono iscriversi enti ed associazioni che svolgono attività a favore dell'integrazione sociale degli stranieri, come previsto dall'art. 42 del Testo Unico sull’immigrazione - D.Lgs. del 25.07.1998 n. 286;
 
Ai sensi dell’art.42 del testo Unico sull’immigrazione, lo Stato, le regioni, le province e i comuni, nell’ambito delle proprie competenze, anche in collaborazione con le associazioni di stranieri e con le organizzazioni stabilmente operanti in loro favore, nonché in collaborazione con le autorità o con enti pubblici e privati dei Paesi di origine, favoriscono:
 
a) le attività intraprese in favore degli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia, anche al fine di effettuare corsi della lingua e della cultura di origine, dalle scuole e dalle istituzioni culturali straniere legalmente funzionanti nella Repubblica ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 18 aprile 1994, n. 389, e successive modificazioni ed integrazioni;
 
b) la diffusione di ogni informazione utile al positivo inserimento degli stranieri nella società italiana in particolare riguardante i loro diritti e i loro doveri, le diverse opportunità di integrazione e crescita personale e comunitaria offerte dalle amministrazioni pubbliche e dall’associazionismo, nonché alle possibilità di un positivo reinserimento nel Paese di origine;
 
c) la conoscenza e la valorizzazione delle espressioni culturali, ricreative, sociali, economiche e religiose degli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia e ogni iniziativa di informazione sulle cause dell’immigrazione e di prevenzione delle discriminazioni razziali o della xenofobia anche attraverso la raccolta presso le biblioteche scolastiche e universitarie, di libri, periodici e materiale audiovisivo prodotti nella lingua originale dei Paesi di origine degli stranieri residenti in Italia o provenienti da essi;
 
d) la realizzazione di convenzioni con associazioni regolarmente iscritte nel registro di cui al comma 2 per l’impiego all’interno delle proprie strutture di stranieri, titolari di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno di durata non inferiore a due anni, in qualità di mediatori interculturali al fine di agevolare i rapporti tra le singole amministrazioni e gli stranieri appartenenti ai diversi gruppi etnici, nazionali, linguistici e religiosi;
 
e) l’organizzazione di corsi di formazione, ispirati a criteri di convivenza in una società multiculturale e di prevenzione di comportamenti discriminatori, xenofobi o razzisti, destinati agli operatori degli organi e uffici pubblici e degli enti privati che hanno rapporti abituali con stranieri o che esercitano competenze rilevanti in materia di immigrazione.

Seconda sezione   [Torna all'inizio]

A questa sezione possono iscriversi enti ed associazioni che svolgono programmi di assistenza e protezione sociale disciplinati dall'articolo 18 del Testo Unico sull’immigrazione (D.Lgs. del 25.07.1998 n. 286).

Relazione di attività   [Torna all'inizio]

Le associazioni e gli enti iscritti al Registro devono predisporre con cadenza annuale una relazione sulle attività svolte nell’anno precedente (art. 54, comma 3 DPR 394/99). La relazione va presentata entro il 30 Gennaio di ogni anno, al fine di procedere all’aggiornamento annuale del Registro.

Da Gennaio 2019 è disponibile un nuovo applicativo on line per la raccolta delle relazioni, valido sia per la I che per la II Sezione del Registro. L’applicativo consente agli iscritti di inserire la propria relazione tramite la compilazione di un questionario.

Per il primo accesso è necessario seguire le procedure indicate al seguente link: http://www.registroassociazioni.it cliccando sul pulsante Registrazione.

Una volta ottenute le credenziali (ID e Password), si può accedere all’Applicativo e procedere nella compilazione.  Per informazioni e chiarimenti in merito alla compilazione del questionario si può scrivere all’indirizzo di posta elettronica registroassociazioni@lavoro.gov.it o rivolgersi allo sportello telefonico (06 46832034/2039) attivo dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 13:00.

L’applicativo è stato realizzato al fine di semplificare le fasi di raccolta e analisi dei dati e disporre di informazioni classificate in modo omogeneo sulle attività realizzate dagli Enti e dalle Associazioni in tutto il territorio nazionale.

Elenco aggiornato 2019   [Torna all'inizio]

È stato pubblicato l'elenco aggiornato al 4 giugno 2019 relativo agli iscritti alla sezione I del Registro Nazionale degli enti e delle associazioni che svolgono attività a favore degli immigrati.

L'elenco include gli iscritti che - adempiendo all'obbligo previsto nell'art. 54, comma 3, del D.P.R. n. 394/1999 - hanno trasmesso al Ministero la relazione sulle attività svolte nel 2018 e i nuovi iscritti alla data di pubblicazione del documento.

Per favorire la lettura e la consultazione dell'elenco, gli enti e le associazioni sono classificati in base alla Regione di riferimento.

Leggi l'elenco del 2019

I servizi offerti dagli enti e dalle associazioni iscritti al Registro sono consultabili nella banca dati del Portale Integrazione Migranti.

Vai alla banca dati