Emilia-Romagna

IN EVIDENZA

Area Immigrazione del Sito ufficiale della Regione

Sister Hub - Sistema Informa Stranieri


Analizzando la maggior presenza in Italia di persone regolarmente soggiornanti l'Emilia Romagna si trova al terzo posto, dopo la Lombardia e il Lazio. Al 1° gennaio 2018, i cittadini stranieri residenti in Emilia Romagna ammontano a 535.974 (fonte Istat).

Riguardo le aree di provenienza non si registrano variazioni significative rispetto all’anno precedente: il 50% dei residenti stranieri sono europei, il 26,5% africani, il 19,7% asiatici e la quota restante americani e dall’Oceania. I rumeni si confermano la comunità nazionale più numerosa con un’incidenza pari al 17% del totale delle presenze straniere; al secondo posto si collocano i cittadini del Marocco (11,3%) e al terzo gli albanesi (10,7%), seguiti a loro volta da ucraini (6,1%), cinesi (5,5%) e moldavi (5,4%).

Si conferma l’articolazione del territorio in un polo romagnolo, con un’alta percentuale di europei (con punte del 63,6% nella provincia di Ravenna e del 67,8% in quella di Rimini), e in un polo emiliano pluricontinentale, con presenze importanti anche di africani ed asiatici; in particolar modo nelle province di Reggio Emilia (europei 38,5%, africani 28,6%, asiatici 30,1%) e Modena (europei 41,7%, africani 34,4%, asiatici 21,1%). La comunità romena si attesta al primo posto per numero di residenti su 6 province su 9 (Piacenza, Parma, Forlì Cesena, Ravenna, Ferrara e Bologna), la comunità marocchina è la più numerosa nelle province di Modena e Reggio Emilia mentre la comunità albanese lo è in quella di Rimini. Queste 3 comunità sono diffuse in tutte le province dove rappresentano almeno il 6% degli stranieri residenti.


Approfondimenti

​Partecipazione in Emilia-Romagna: vai al Focus

​Mediazione interculturale in Emilia-Romagna: vai al Focus